Anfora in maiolica dipinta
 

L’anfora e' costituita da tre singole parti, base ad anello, piede
sagomato con perno che si inserisce alla base del corpo
e l’anfora stessa.

Prima dell’intervento, l’oggetto in questione si presentava in più frammenti di diverse dimensioni, mentre il piede e la base
risultavano integre.

La lavorazione si è svolta nella ricostruzione dell’anfora mediante l’assemblaggio dei frammenti con una colla specifica bicomponente.

In questa fase e’ apparsa la presenza di un precedente intervento; quest’ultimo aveva interessato il collo estroflesso e le pareti
in corrispondenza di due piccoli mascheroncini a rilievo.

Con tutta probabilità i due mascheroncini erano le basi di due anse sagomate, eliminate durante un precedente restauro.

A ricostruzione completata si è quindi passati all’eliminazione
delle vecchie integrazioni che col tempo si erano alterate cromaticamente, e alla simulazione delle lacune dovute alla perdita
di frammenti relativi alla parete del corpo dell’anfora.

Le integrazioni eseguite sulle parti mancanti dell'anfora sono state effettuate mediante l'utilizzo di poliphilla e acqua distillata.

In seguito per restituire all’oggetto il suo aspetto originale le parti integrate sono state ridipinte riprendendo la decorazione.

L’integrazione pittorica a conclusione del lavoroè stata eseguita ad acquarello e poi protetta con una vernice lucida ad acqua.